222
 
   
   
clemens clemens clemens
Referat

TitelLa donna in Italia - prima e oggi 
Anzahl Worte815 
SpracheItalienisch 
ArtReferat 
Schlagworte 
Downloads++++++++++++ 
Bewertung+++ 

Download Zip (3.3kB)
Download Pdf (55.7kB)


Auszug aus dem Referat (ohne Grafiken)

La donna in Italia - prima e oggi


La donna, il sesso debole é nata per fare la casalinga. Prima di tutto la donna deve essere madre, moglie e casalinga. Molti anni fa la donna ha rappresentato il ruolo tradizionale. Era economicamente dipendente da suo marito, e non aveva la possibilitá di cambiare la sua vita. La donna conserativa é una schiava domestica: deve fare tutti i lavori domestici da sola, e non ha molto tempo libero. Deve pensare a tutto, e con un marito e con i figli il lavoro non manca. Il suo lavoro é duro, pesante, e faticoso ma nella societá moderna essere casalinga non significa fare niente o essere disoccupata. Prima tutte le donne erano conserative perché la donna non ha avuto gli stessi diritti e ha avuto un ruolo diverso dall'uomo.
Oggi la donna si é liberata dal ruolo tradizionale prova a fare la sua strada. La donna d'oggi é indipendente e emancipata. Non sta a casa tutto il giorno e si occupa della famiglia. Spesso la donna fa un lavoro extradomestico per poter realizzarsi. La donna d'oggi dice che non perde i contatti umani con altre persone, e che si sente chiusa quando sta a casa tutto il giorno. La donna d'oggi ha gli stessi diritti degli uomini, ma in pratica non é sempre cosí. Per esempio nel sud d'Italia molte donne devono stare a casa e devono occuparsi solo della loro famiglia.

L'uomo é nato per lasciare la casa, e per fare un lavoro extradomestico. Il suo compito è mantenere la sua famiglia. Lui é il capo, il patrone della famiglia e vuole decidere tutto.

La donna é nata per rimanere a casa. Deve svolgere tutte le facende domestiche. Ci sono i lavori feminili come stirare, portare fuori il cane, fare i letti, fare le pulizie, cucinare, spolverare e specialmente cucire e fare la spesa. Solo la donna sa queste cose, perché é impossibile che l'uomo faccia le facende domestiche. Lavare i pavimenti, lavare la bianccheria, stendere la bianccheria spetta alla donna, perché era il suo compito per secoli. Quando una donna va a lavorare si dice che l'uomo non possa mantenere tutta la famiglia e questo ferisce il suo orgolio.

L’emancipazione della donna
Come ognuno sa, le donne hanno secondo la legge gli stessi diritti degli uomini.
Ma nella vita reale non si ha quest’ impressione. Oggi ci sono giá donne manager, donne che fanno carriera in politica e anche donne scienziata, donne pilota, donne designer, e cosí via.
È molto difficile emanciparsi per le donne meridionali. Nel mezzogiorno le donne devono portare solo vestiti neri, devono coprire la loro pelle ed il loro destino sarebbe rimanere sempre a casa e fare la casalinga. Ma oggi anche la donna meridionale ha cominciato a emanciparsi, e per lo piú le ragazze fuggiono dalla tradizione del Mezzogiorno al Nord dove possono trovare piú possibilitá per studiare e di diventare istruite meglio. Qualche volta si trovano anche nel Sud donne che occupano un posto di grande prestigio.
Si è notato anche una diminuzione dei neonati che è probabilmente causata dalla gente che vuole fare una carriera e non ha tempo per curare i bambini. Se moglie e marito lavorano c’è spesso un litigo che fa la casalinga. C’è anche il problema che gli uomini non veramente vogliono acettare quest‘ emancipazione e pensano che pulire, cucinare, curare i bambini e stirare siano solo i compiti della donna, perché solo lei è portata per le faccende domestiche.
Se una famiglia ha bambini piccoli, è meglio che la donna stia a casa, perché se i bambini sono solo a casa, devono cucinare, qualche volta vengono trascurati, e non hanno nessuno con chi possono parlare, e i bambini hanno bisogno di parlare.
Invecce una donna che lavora guardagna i propri soldi, e puó decidere da sola che cosa compra, ed è anche piú sicura di se stessa, e piú soddisfata. Puo fare carriera del mondo politico, puó occupare una funzione importante, e puó avere anche molto prestigio.
In Italia ci sono molte persone venute dal terzo mondo, che non hanno un istruzione vero, e per questo sono colf (collaboratrice famigliare).

8 marzo, festa della donna
C’è una festa della donna, che viene celebrata ogni anno al 8 marzo. Viene celebrata la donna e l’emancipazione. Il simbolo di questa festa sono i rametti gialli che vengono portati sulle strade dalle donne che urlando le parole: „donne le protagoniste della festa“.
Ma si deve aggiungere che anche questa festa viene abusata dai politici e altre persone che vogliono fare pubblicitá per se stessi e che non hanno nessun senso per la festa.


Domande:
Com’era la situazione della donna in Italia prima?
Com’è la situazione della donna in Italia oggi?
Quali sono i lavori tipici della casalinga?
Com’è la situazione della donna meridionale?
Ha la donna gli stessi diritti degli uomini?
Che cos’è la festa della donna?

Ende des Auszuges


Hier hast Du die Möglichkeit dieses Referat zubewerten
und somit die Gesamtbewertung mitzubestimmen!